La cantina racconta

di
genere
masturbazione

Non so se ho già raccontato di quando da ragazzetto, tutti i pomeriggi me ne andavo in cantina, dove avevo trovato dei cunei anali di varie dimensioni e del lubrificante anale.
Mi mettevo sul divano vecchio che era in cantina e dopo averlo lubrificato mi inserivo dolcemente il cuneo più piccolo. E restavo lì per un po' a studiare con il sedere all'aria.
il mio buchetto era piuttosto stretto, tanto che quando avevo problemi di stitichezza mia mamma mi doveva fare un clistere per sbloccare e ammorbidire. E mi diceva "e ma che stretto non passa una paglia...quando vai a militare chi ti fa i clisteri il Sergente?" ahhhahhh che risate.
vedendo questo via vai in cantina tutti i giorni il Portiere del palazzo si vede che mi ha seguito e quando ero con il sedere all'aria e con il cuneo... Entrò all'improvviso (aveva le chiavi di tutte le cantine) e dopo aver gridato "Sporcaccione cosa fai " si tirò giu i pantaloni e mi obbligò a fargli un pompino.
Una volta che il suo cazzo diventò ben duro me lo presentò al buchetto del culo e forzando fece entrare la cappella.
Rimase fermo per un po' e poi spinse dentro il cazzo infoiato come una bestia mi inchiappett0 per bene. Anzi per male. Tre giorni di creme e bidet con acqua fredda per far passare il rosso .
scritto il
2024-06-10
1 . 3 K
visite
5
voti
valutazione
3.8
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.