Il chirurgo che salvo mia mamma

di
genere
tradimenti

Ciao Valeria anni 50 esatti , una piccola biografia , certo i segni dei parti si vedono ma dal corpo mantenuto bene ne di mostro 10 anni meno , ancora una terza abbondante dire e dritte e un bel culo largo a mandolino . Tutto iniziò 6 mesi fa quando mia mamma entro per la terza volta in ospedale per essere operata della stessa malattia , finita l’operazione mi informo con l’infermiera per poter parlare con chirurgo che ha operato mia mamma , dopo una attesa di 1/2 ora mi viene incontro il chirurgo non più l’ho stesso delle altre volte ma cosa strana che mi chiama di nome , tolta la divisa un vecchio amico di mio fratello di nome Alessio e del ex mio ultimo fidanzato , finite le presentazioni molto professionale mi raccontò dell’operazione che a primo minuto sembrava inutile ma che lui a voluto insistere , Alessio mi chiede di seguire bene dopo le dimissioni mia mamma e per qualsiasi cosa chiamarlo . La giacenza di mia mamma duro una settimana , dopo ringrazio il dottore e la porto a casa , per le prime notti sto io con mia mamma per controllare come mi aveva detto Alessio , ma verso le 03.00 di notte vedo peggiorare mamma , il primo numero che mi viene e quello che mi a lasciato Alessio che chiamò subito , chiedendoci se poteva mandare qualcuno per la mamma , dopo 10 minuti arriva lui stesso facendomi un gran bel favore a venire perché lui conosceva bene il caso , una prima puntura delle medicine , salva mia mamma da un iniziò di infarto , erano le 04.50 ancora Alessio rimane con mia mamma e non andava via fino a che non migliorava , per me Alessio era l’angelo custode di mia mamma , mamma migliora e Alessio va via dicendomi che nel pomeriggio finito di lavorare passava a vedere come stava , mi lascio di misurare molte volte la pressione . Verso le 06.00 andò via a lavorare in ospedale , ma verso le 15.00 torno da noi certo l’ho vidi molto stanco , ma Alessio mi convince che c’è abituato , mette una flebo per dare delle medicine a mia mamma e aspettiamo insieme che finisce la dose , io per non farlo aspettare nella sedia faccio accomodare Alessio nel divano nella stanza vicina , mi chiede un caffè che dopo un po’ gli porto ma Alessio aveva gli occhi chiusi , l’ho chiamato due volte ma , we un brutto movimento gli butto il caffè a dosso proprio lì nei pantaloni direzione pacco , Alessio si svegliò di botto per la caloria del caffè , subito mi cerca il bagno l’ho accompagno e mi scuso fortemente ma lui come niente fosse butta dell’acqua sopra uscendo con una macchia molto vistosa , subito gli chiedo di rientrare in bagno di toglierli che ci pensavo io , entrato li toglie anche le mutande e me li da , e si mette un asciuga mani attaccato alla vita , torna da mia mamma che tutto procede bene e si rimette nel divano gli riporto il caffè con qualche biscotto che accetta molto , mi guarda in faccia dicendomi di riposare anch’io perché dagli occhi mi vedeva stanca , faccio come dice e mi siedo nella poltrona , Alessio chiude subito gli occhi , io l’ho guardavo stupita il perché quell’uomo si stava prendendo tanta cura di mia mamma , dopo un po’ si muove un po’ troppo , si sposta l’asciuga mani facendo intravedere posato sul cuscino del divano un cazzo con la cappella aperta gia di buona dimensione , quella vista non mi scandalizzo tanto anche se di cazzi oltre a quello di mio marito e dell’ex fidanzato non ne avevo visto o provato altri , anzi provato solo quello di mio marito , a l’ex una bella dose di pompini essendo stato lui a insegnarmi , tornando a Alessio si muoveva troppo , così ho deciso di alzarmi e non so perché di aggiustare quella situazione tirando e coprendo Alessio le sue parti intime , ma la cosa fu fatale mi ritrovai davanti a lui che tiravo per coprire il suo membro , Alessio apre del tutto le gambe e mi afferra le braccia svegliandosi , lui mi guardò in faccia e anche il suo cazzo uno sguardo a me uno al cazzo , mi chiamo Valeria che fai ? Io imbarazzata no no no so , cosa mi ripete Alessio non sei obbligata ma se vuoi l’ho puoi fare , non era la mia intenzione ma se ci pensò un po’ chi mi portava a coprire il cazzo di Alessio potevo andare dall’altra parte , e invece capi che l'ho volevo non l’ho so spiegare ,ma era la prima volta che mi trovo in questa situazione da sposata , mentre e stavo e lui mi parlava le gambe iniziarono a cedere inginocchiandomi davanti a lui, Alessio appoggia la testa sul divano non a voluto più guardare , a voluto che io facevo il primo passo , così fu alzo il suo cazzo ormai moscio tiro giù la pelle con la mano e metto subito in bocca la su cappella che leccai e succhiavo tradendo per la prima volta mio marito , stavo facendo un pompino a quell’uomo conosciuto una settimana fa , io l’ho presa come una ricompensa per quello che stava facendo a mia mamma , ma questo non è una giustificazione gli stavo succhiando il cazzo con molta passione , poche volte l’ho fatto a mio marito , non lasciai un solo centimetro di cazzo dove ho fatto sentire la mia lingua a Alessio , che a voluto per forza guardare e costatare la mia bravura cosa anomala per una mamma di famiglia , quel cazzo prese la sua forma e lunghezza dovuto che provando a ingoiare non riuscì più a fare , per la sua lunghezza e grossezza , Alessio dal timido uomo iniziò a vantarsi nel suo enorme cazzo che non riuscivo più a mettere tutto in bocca e di preferire che lo spompinavo senza mani usando lingua e bocca , Alessio iniziò a prendere a partecipare dopo che io ho dato il via , mi uscì le tette di fuori infilando il cazzo in mezzo , si alzò in piedi e me l’ho infilo di nuovo in bocca , con le mani mi tiene la testa scopandomi la bocca con un ritmo lento lento fino a fermarsi e mi svorrò in bocca un quantità enorme di sperma caldo che non ho potuto tenere tutto e feci fuori uscire dalla bocca , ma pressato la mia testa dalle sue mani ne ho ingoiato una bella quantità , prima di farlo gli apri la bocca per fagli vedere la sua sborra dentro come mi aveva insegnato quel bastardo del mio ex ma mai fatto a mio marito , quel gesto il mio ex me l’ho faceva fare per dire al partner che l’ho volevo anch’io . Dopo quel pompino di quella sera lui si comportava sempre nello stesso modo curando sempre di migliori dei modi mia mamma , l’indomani non ci fu motivo di venire lui a casa , ma il terzo giorno Alessio mi chiede se potevo portare mamma in ospedale per fare la medicazione , a casa non c’erano gli attrezzi giusti . Segue…..

scritto il
2024-06-11
8 K
visite
7 5
voti
valutazione
4.4
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.