La collega sotto ricatto - sesta parte

di
genere
dominazione

Fausto si sta riprendendo dalla sborrata di poco fa....
Il suo sperma su di me si sta solidificando, sento la pelle che inizia a tirare...

"Lilli, la porta finestra che da sul balcone e vai a aprire anche la finestra della cucina. Cosi circola un po' di aria...."

"Ma Signor Fausto, sono nuda. Non è che qualcuno mi fede?"

Fausto mi fulmina con lo sguardo....non c'è bisogno che dica nulla..

"Vado, Signor Fausto "

Esco dal soggiorno, entro in cucina cercando di stare il più nascosta possibile....in prossimità della finestra allungo il braccio e ruoto la maniglia....dai piani alti del condominio mi potrebbero vedere senza problemi.

Torno a passo veloce in soggiorno tenendomi il seno e cercando di coprirmi il sedere con l'altra mano.

Mi dirigo verso la porta finestra...fortuna c'è una leggera tenda bianca a nascondere, per quanto possibile, la situazione. A distanza di pochi metri c'è un'altra palazzina....e se qualcuno guardasse Tutto??? Cerco di non pensarci....speriamo in bene,...

Apro la porta finestra e subito, un colpo di contraria fa spostare la tenda...in un attimo mi sono sentita completamente esposta.

E metto un urletto, del quale mi vergogno subito dopo e torno da Fausto, almeno non sono sotto gli occhi di tutti.

Nel frattempo Fausto ha messo mano al suo tablet. Vedo che scorre le pagine di un sito di abbigliamento sexy....

"Mettiti in ginocchio accanto a me, busto dritto e mani dietro la testa.....mi serve ispirazione"

Eseguo senza fiatare. Nel frattempo cerco di capire le sue intenzioni.

"Allora allora. Qui in casa mia devi stare nuda....ma, ovviamente, se dovessi avere ospiti non puoi girare in quello stato. Ti devo trovare qualcosa di adeguato".

Mentre pronunciava quelle parole la sia mano sinistra si è diretta verso il mio viso....ed ha infilato il duo dito indice nella mia bocca, in cerca della mia saliva. Subito dopo è sceso verso la mia figa e si è fatto spazio fra le grandi labbra...scivolava avanti indietro con movimento calmo e ritmato, sfiorando il buco....

Con la mano destra scorreva le pagine del sito...."questo no....questo no....questo forse....mmm"

Il mio sguardo si spostava dal tablet al suo cazzo moscio.....vedevo scorrere babydoll, miniabiti, lingerie varie...e tornavo sul suo cazzo che rimaneva moscio....ad un certo punto ho sentito un fremito dal basso ventre...il suo dito si era infilato nel buco con un colpo secco.

Ho declinato la testa indietro e socchiuso per un'ottimo gli occhi. Come riaperti ho incrociato lo sguardo di Fausto....soddisfatto dalla mia reazione....

"Dimmi che sei la mia Puttana"....

"S-sono la tua Puttana....Signor Fausto"

Inevitabilmente il movimento del suo dito nella mia figa mi ha portato ad inumidirmi,  lui subito se n'è accordo e le dita nella figa sono diventate 2....

Il mio respiro si faceva più affannoso....Fausto ha ripreso la ricerca del vestiario....il suo cazzp sempre dormiente....

"Vorrei soddisfarti meglio, ma alla mia età i tempi di recupero non sono brevi sai cara....mi perdoni vero?"

(Per fortuna!! Pensavo io)

"Certo Signor Fausto"

"Dammi una mano Lilli, massaggiami i coglioni"

Tolgo la mano sinistra da dietro la testa e la allungo sotto la sacca scrotale,  Fausto apre le gambe per crearmi lo spazio di manovra.
Le palle sono veramente notevoli, a differenza del cazzo....inizio a manipolarle delicatamente mentre il ritmo del dito di Fausto nella mia figa si fa incalzante....

Nel frattempo la ricerca del vestito continua.....

"Forse ho trovato....ti piace questo ?

Era un abitino giallo fluo, con ampio spacco davanti e dietro e che arrivava a malapena sotto il sedere della modella che lo indossava. Era veramente volgare.....

"L'importante è che piaccia a te, Signor Fausto"

Nel sentirmi pronunciare quelle parole il cazzo di Fausto, purtroppo, si è ripreso....

"Toh, chi è tornato a farci compagnia" ha esclamato tutto contento

"Forza Lilli, è arrivato il momento di mettere al lavoro questa bella figa....sali sopra"

Ecco, lo sapevo. Il momento che tanto temevo.....mi sposto, scavalco le cosce di Fausto con il ginocchio e mi piazzo sopra il suo cazzo.

Lo guardo in faccia....il porco, dopo aver appoggiato il tablet sul divano, torna a fissarmi sbavando come un cane.....non sta più nella pelle.

Scendo lentamente....sento la sua cappella appoggiarsi fra le grandi labbra....scendo ancora....le grandi labbra si aprono a mo di fiore e la cappenna viene avvolta dal mio buco bagnato....inizio a fare brevi movimenti su e giù per farlo entrare un poco alla volta....

Fausto mi prende per le spalle e mi da una spinta secca verso il basso...."giù Troia! Prendilo Tutto!!"

Per qualche attimo mi è mancato il respiro. Non tsnto per la lunghezza, ma per la larghezza della base del cazzo.

Fausto detta il ritmo prendendomi per i fianchi, io appoggio le mani sul suo pancione, mentre lui mi fissa il seno che, seguendo il ritmo delle spinte, rimbalza qua e là....

"Oooohhh siiii.....mmm....che bello....Dimmelo Lilli.....dimmelo!!!"

"Ahhh....aaaahhh....ah mmmmm.....mmmm....sono la tua puttana,...mmm....mmm.....sono la tua puttanaaaa...signor Fausto"

Il suo cazzo si fa largo dentro di me, ormai la figa si bagnata a dovere ed il membro scivola dentro e fuori senza fatica...

Fausto vorrebbe prendere il bocca un mio capezzolo, ma da quella posizione, con il pancione di mezzo non riesce....lascia i fianchi e con indici e pollici di entrambe le mani mi prende per i capezzoli, li tira come fossero briglie di un cavallo....

"Si Lilli, che figa....erano anni che non mi facevo una figa così,  nemmeno a pagamento....mi fai godere ....sei una porca Lilli...una maiala....!!!!"

"Si....siiii.....oh oh oh....Si Signor Fausto".....il ribrezzo stava lasciando spazio all'eccitazione del momento......

Assecondo il movimento del cazzo con le mie anche....

"Aaaaaahhhhh.... Cosi mi fai venire!!!!! Così vengo.....così vengo......Cosi vengo"

"..mmm...mmm....ahh....sii....ahhh...non prendo la Pillola Signor Fausto!!! ..... Non prendo la pillola" esclamo velocemente....

"Mettiti in ginocchio che sto per venire....METTITI IN GINOCCHIO CHE STO PER VENIREEEE"....ha urlato Fausto...

Di scatto mi sfilo dal suo cazzo e mi metto in ginocchio sul pavimento. Lui si alza e, con il cazzo in mano, torna a sborrare su di me....

"VENGO ...VENGO....VENGO.....VENGOOOO"

....la sborrata è meno veemente della prima, non arrivano schizzi ma una colata di seme caldo....direttamente in faccia....scende lungo il mio viso....arriva al mento e goccia ancora sul seno e sulle gambe....

Fausto finisce con la sega....e poi mi spinge il cazzo in bocca...

"Sai già cosa devi fare....".... mi dice ansimando.
 La polo bianca, già sudata da prima ora è conciata da buttare....
Il porco finisce di godere nella mia bocca e grugnisce...

Con la lingua pulisco per bene la sua cappella....

"Basta...basta....".....mi dice. Dopo la sborrata il suo piacere si trasforma in fastidio....

Sono ricoperta da 2 sborrate....ferma in ginocchio sul pavimento....

Fausto si ributta sul divano e torna a mettere mano al tablet.

Giro la testa verso la porta finestra spalancata....le tende sono completamente spostate dalla contraria...da dove sono vedo le finestre dell'edificio accanto.....

Ci ha forse visti qualcuno....???

.....continua....






 
scritto il
2024-06-23
6 . 2 K
visite
4 6
voti
valutazione
6.3
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.