L'educazione di mia figlia - Le regole di casa

di
genere
incesti

brn.pisa@gmail.com


Venerdì pomeriggio. L'inizio del mio week-end, l'inizio della parte più bella della settimana.
Come un ragazzino ero in attesa che mi venisse portato il regalo che avevo chiesto a Natale. Sdraiato sul divano a guardare la TV suona il citofono, corro ed apro. Rimango in trepidante attesa fino a quando le porte dell'ascensore non si aprono ed eccole li.
Saluto la mia ex moglie e do un bacio a mia figlia. mi chiede se sarà un problema portarla a scuola di Lunedì che ha un'impegno, le rispondo ovviamente di no. Mi dice che verrà a prenderla Lunedì dopo pranzo. La invito a non parlare fuori dalla porta
'Caffè?'
'E caffè sia'
Si chiacchiera del più e del meno, oramai siamo in pace, Francesca va a fare i compiti in camera sua mentre ci aggiorniamo sulle novità della nostra vita anche se entrambi abbiamo poco da dirci. È passata una decina di minuti, ci si scambia un abbraccio, lei va a salutare Francy e va via.
Tempo di andare a prendere le tazzine e metterle in lavastoviglie e Francy spunta alla porta
'È andata via?'
'Via libera tesoro'
La sento andare in soggiorno ed accendere la Playstation. Per i compiti ci sarà tempo.
'Papi, c'è l'aggiornamento'
'Non posso farci nulla amore, tu intanto fallo partire'
La sento correre per la casa mentre mi bevo un po di sprite, le porto un bicchiere ma non è in soggiorno, vado in camera sua ma non è neanche lì. Vedo i vestiti a terra, si starà cambiando e forse è in bagno. Vado in soggiorno e poco dopo la vedo arrivare. Ha indosso la stessa canotta celeste di prima, solo che adesso non ha più il reggiseno e le si intravedono i capezzoli, indossa ora dei pantaloncini molto leggeri, si è tolta le scarpe e appena arriva mi si butta a dosso.
Mi da un'altra bacio sulla guancia.
'Sembrava non finire mai questa settimana'
'Come mai amore?'
'Troppe cose da studiare, avevo bisogno di staccare'
'Bhe, ora sei qui tesoro'
Le dico dandole un bacio stavolta sulle labbra.
'Si papi'
Mi dice ricambiando con un'altra bacio.
La Play finalmente parte e mettiamo Crash.
Lei si mette dritta e ci avvolgiamo nella classica posizione di gioco, con lei seduta quasi su di me, avvolta dalle mie gambe.
Si gira a baciarmi mentre il gioco carica, mentre le mie mani iniziano ad entrare sotto i suoi abiti.
Una rapida sfiorata al seno conferma che non indossa il reggiseno, la mano destra scende sotto invece, allarga i pantaloncini ed incontra solo un po di peli accarciati.
Lei sobbalza
'Che succede Piccola?'
'Togliti l'orologio papi'
Ha ragione, può dar fastidio.
Una volto tolto la mia mano torna ad accarezzare mia figlia, il suo seno abbondante, la pancetta, il suo pube e mentre la mia mano scende ancora ed avverto il suo calore
'Papi, così non gioco però'
'AH, ti do fastidio?' Dico ridendo
'Fastidio no, peroooo...'
La mia mano che entra a contatto con le sue labbra la interrompe
'Papi ti prego...'
La bacio prima che completi la frase e mentre il mio dito entra dentro di lei.
'Papi ti prego, voglio il tuo cazzo, non voglio aspettare ancora, sono pronta.. Rispetto sempre le regole, non indosso mai l'intimo, ti lascio toccare, ma ora lo voglio'
La tentazione è tanta, ma è ancora presto per questo passo.
La bacio ancora ma la sposto.
La faccio sdraiare sul divano, le sfilo delicatamente i pantaloncini, mentre lei frettolosamente si toglie la maglietta. Mi tolgo i pantaloni rimanendo con il cazzo in tiro. I suoi occhi brillano ogniqualvolta lo vede.
Mi poggio su di lei premendo il cazzo sulla sua figa. È difficile dirle di no, la bacio. Lei con le mani afferra il cazzo e cerca di spingerlo dentro di lei.
'Non ancora amore'
Mi inginocchio e poso la mia testa tra le sue cosce. Lecco mentre lei geme. Bacio il suo sesso mentre lei mi stringe con le sue gambe, mi spinge la testa quasi dentro di lei. Ha bisogno di essere posseduta da suo padre, oramai non posso più resistere nemmeno io.
Urla.
Mi alto a baciarla per farla stare zitta mentre 2 dita completano il lavoro.
Trema la mia Francy.
Mi butto sul divano. Lei intontita si avvicina a me, si sdraia di fianco. Mi bacia e mi masturba. Oramai è brava, sa quello che voglio. Mi bacia ancora, la mia mano stringe il suo culo. Esplodo.
Gemo.
Le voglio fare un regalo però. È stata brava.
'Amore, vai e ripulire papà'
'Davvero?? Posso?'
'Si piccola'
Scende e inizia a leccare tutto lo sperma sul mio cazzo. È la prima volta che sento la sua lingua sul cazzo.
'Mmmmm'
La vedo ghiotta.
'Francy vieni qui'
Subito rilase.
'Ho fatto qualcosa di sbagliato papi?'
'No amore, sei stata bravissima. Volevo dirti che ho deciso, questa settimana tu mi farai il tuo primo pompino'
Mentre il mio cazzo ancora sporco si riprendeva Francesca mi salì sopra per baciarmi quasi di gioia.
scritto il
2024-06-22
9 . 4 K
visite
1 4 0
voti
valutazione
5
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.