Pomeriggio al cinema

di
genere
etero

Jojo Rabbit è il film prescelto, ho dato un’occhiata mentre ero in fila per fare i biglietti, solo due persone prima di me lo vanno a vedere. L’orario postprandiale delle 15 è complice di ricercata intimità cinematografica.
Ẻ un film della Walt Disney, ma l’ambientazione nella Germania nazista, dubito possa richiamare anche in altri orari orde di ragazzini accompagnati.
Sapranno chi era Hitler i bambini di oggi, tutti presi dai loro videogiochi col wi fi? Per la verità, nutro seri dubbi anche sulla conoscenza del Führer da parte dei loro genitori, ma non voglio dilungarmi sull’ignoranza storica.
Luana si è affidata alle mie scelte, alla mia programmazione. Siamo usciti dalla camera abbigliati in maniera semplice. Io ho indossato una tuta, per essere comodo e facilitato nella realizzazione del mio piano. Lei, una gonna di pelle a metà coscia, un maglione con scollo a V, autoreggenti, scarpe con tacco da 10 cm ed un ovetto vibrante fucsia dentro la fica.
Gliel’ho spinto con le mie dita, proprio in fondo, per evitare che possa scivolare fuori quando comincerà a bagnarsi copiosamente, a causa delle vibrazioni che riceverà non appena lo accenderò col telecomando che riposa nella tasca del mio piumino.
Mi prende sotto braccio mentre ci avviamo verso l’ingresso delle sale; in alto, come in una griglia da F1 ci sono i semafori, il nostro è verde, dobbiamo salire al terzo piano del vecchio Teatro Adriano, ora Cinema Adriano.
Qua, nel 1965 si esibirono i Beatles, migliaia di persone presero d’assalto Piazza Cavour, proprio davanti al Palazzaccio, attuale sede della Corte di Cassazione, per assistere a quello storico concerto.
Nel 1992 ci vidi l’ultimo film: Dracula di Bram Stoker di Coppola, il più bello di tutti.
Mentre le scale mobili seguono il nastro, scendo un paio di gradini per poter allungare la mano sotto la gonna di Luana, tastandole il culo e lasciando che un dito impudente spinga la brasiliana verso le grandi labbra.
Lei si gira e sorridendomi dice: “Che porco che sei!” lo fa quasi con dolcezza, come stesse regalando una caramella ad un bambino, in realtà sa benissimo che quella parola mi accende.
Spingo il dito ancora più dentro, le sue guance avvampano, scende i gradini che ci separano e con le labbra mi succhia la lingua.
Infilo la mano in tasca e accendo l’ovetto, come colpita da una scarica elettrica, le gambe le si piegano e lo spasmo le fa stringere i denti sul mio labbro inferiore, ferendolo a sangue.
Spengo l’ovetto e con un fazzoletto asciugo la ferita.
La sala è la numero 9 poco più di 200 posti, quasi tutti vuoti.
Faccio strada fino alla Fila G e ci sediamo, poltroncina n.7 io, n.8 lei, centralissimi e a metà sala.
Personalmente preferisco i posti dietro, ho una visione d’insieme migliore ed in genere meno teste da evitare, ma è una questione di gusti.
Le luci sono ancora accese, il silenzio nel quale siamo immersi è tipicamente irreale, bisbigliamo tra noi, forse anche il piccolo motorino che fa vibrare l’ovetto, in questa atmosfera ovattata si sentirebbe, desisto dal provare.
Nel frattempo, l’anziana coppia che faceva la fila davanti a me, entra, con due bei secchielli di pop corn, io non ho chiesto a Luana se li volesse, abituato come sono, a considerare una distrazione, qualunque cibo ingerito durante la visione.
Oggi è diverso, ho deciso di usare una delle mie passioni per giocare, oggi questa sala diverrà di nuovo un teatro, solo che non si esibiranno i Beatles ma io e Luana.
Silenziamo i cellulari, detesto chi interrompe la sacralità del Rito, con fastidiosi trilli e accecanti display luminosi.
Guardiamo i trailers delle prossime uscite, ma l’eccitazione è palpabile, stiamo solo aspettando che le luci si spengano del tutto e la porta esterna venga chiusa, per scivolare verso i bagni.
Sentiamo i due anziani masticare rumorosamente i loro fiocchi di mais, si sono aggiunti altri due spettatori, ora siamo in sei.
Metto la mano in tasca e aziono l’ovetto, l’audio soffoca qualunque altro rumore. Luana si gira verso di me, arpionandomi il braccio sinistro come volesse strapparlo, io sorrido lei invece bisbiglia: “Sento che mi sta scivolando per quanto sono bagnata”.
“Spingilo dentro o lo farò io”. Le sussurro con calma.
La vedo infilarsi una mano sotto la gonna, proprio mentre io cambio vibrazione, adesso va in onda quella intermittente, solo che invece di accendersi le luci dell’albero, come a Natale, si contraggono i muscoli pelvici di Luana, che mi pianta le unghie nel solito braccio e mi dice a voce piuttosto alta: “Bastardo!”. Le sorrido cinico.
Il film comincia, la musica assordante precede la presentazione dei marchi dei produttori, poi, mentre i titoli scorrono, faccio cenno a Luana di muoversi, tenendo bassa la testa.
Guadagniamo velocemente la pesante tenda ignifuga, varcando lo spazio tra la sala ed il corridoio che porta ai servizi; lei si attacca a me abbracciandomi e baciandomi con ardore mistico, vengo colto alla sprovvista dal furore che mette nei suoi gesti e finisco con la schiena al muro, nella sua fica l’ovetto continua a vibrare ad intermittenza ed il suo cervello ha molta difficoltà a scindersi dal suo corpo, anzi, adesso sono un tutt’uno.
Si alza la gonna e mi prende la mano, portandosela tra le cosce, poi strofina sempre più rapidamente sulla patta della mia tuta, infila la mano dentro e lo libera dai boxer, l’aiuto calando i pantaloni elastici a metà coscia, si inginocchia e me lo prende tutto in bocca.
Lancio uno sguardo verso la tenda, se entrasse qualcuno ora, non avremmo alcuna possibilità di nasconderci, ci vedrebbe e probabilmente dovremmo abbandonare la sala, perché chiamerebbero la vigilanza; una tale figura di merda vorrei evitarla, ma la bocca di Luana è così calda, la sua lingua impudente, che le afferro il viso con entrambe le mani e la spingo fino a sbatterle il naso contro il pelo rado del pube.
Il suo bocchino senza mani è maestoso, merita una ricompensa.
La faccio alzare e la spingo verso la tenda, facendole mettere metà della testa in sala, bisbigliandole di avvertirmi se qualcuno si muove, mentre io m’inchino dietro di lei. Le alzo la gonna sulla schiena, calo alle ginocchia le brasiliane verdi che indossa, sfilo l’ovetto completamente zuppo di lei e la penetro, in un colpo solo. Nessun ostacolo tra me ed il fondo della sua fica, larga e scivolosa tanto è bagnata; la sbatto con forza, aggrappandomi alle sue spalle mentre geme silenziosamente, sorreggendola perché le gambe non cedano.
Era da mesi che immaginavamo di girare questo cortometraggio, avevamo studiato il copione a memoria, ma è l’improvvisazione, tipica del teatro, che regala un tocco di diversità alla stessa scena, così glielo sfilo dalla fregna gonfia e approfittando della lubrificazione, spingo la punta della mia freccia tra le sue chiappe, che dopo un’iniziale resistenza, cedono ai miei colpi.
Allungo una mano e afferrandole i capelli tiro la testa vicino alla mia bocca.
“Ti piace farti fottere il culo, vero?!” Le chiedo incitandola.
“Rompimelo tesò” mi dice in quello che sembra un rantolo.
La sbatto come un tamburo, nutrendomi del suono della nostra carne, che senza attrito s’incontra, poi il mio ruggito accompagna il surround della sala e sborro, mentre lei grida il suo orgasmo nel velluto della tenda.
Ci accasciamo frastornati e sazi sul linoleum scuro, saranno trascorsi una ventina di minuti, nessuno si è accorto di niente.
Ci alziamo lentamente, rifugiandoci in un bagno, ci sciacquiamo e sistemiamo i vestiti, le nostre bocche si incontrano di nuovo, questa volta in maniera più dolce.
Strisciamo fino ai nostri posti, il film non ha più alcuna importanza, alla fine del primo tempo ce ne andremo. Fino ad allora, rimarremo abbracciati.
[gennaio 2021]

amanuense@blu.it


scritto il
2024-06-23
4 . 2 K
visite
2 8
voti
valutazione
6.3
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.